Aloe Ferox

Aloe Ferox

Nel mondo di oggi si sente parlare sempre più spesso dell’Aloe ferox, ignorando di cosa si tratta. La popolarità di questa pianta è dovuta tanto alla sua esoticità, quanto alla sua reale funzionalità. Del resto, non è affatto un caso che questa pianta venisse utilizzata da tempo sia in Sudafrica che in Medio Oriente grazie alle sue capacità dimagranti. Trattasi di pianta succulenta, estrarne il succo è un’operazione molto facile. È stata scoperta in Occidente solo da poco nonostante sia un elemento immancabile nel corredo di ogni medico tradizionale dell’Africa e del Medio Oriente.

Tra tutti i Paesi in cui si è annotato l’uso dell’Aloe ferox non bisogna dimenticarsi dell’India e della Cina. Sembra proprio che già secoli addietro l’Aloe ferox venisse importata in questi Stati, ove godeva di notevole popolarità. I suoi benefici, insomma, sono stati studiati nel tempo e per questo non possono sottostare ad alcun dubbio. La medicina industriale ha messo in larga produzione le pillole con l’estratto di questa pianta solo dopo notevoli ricerche e vari studi che ne hanno dimostrato la non pericolosità. Sebbene tutt’ora vi siano vari studi in corso sulla pianta, secondo le ricerche effettuate non vi sono nemmeno degli effetti da sovradosaggio derivanti dall’utilizzo massiccio del principio attivo dell’Aloe ferox. Si tratta comunque di un medicinale sconsigliato per le donne in gravidanza, per i diabetici e per tutti coloro che hanno dei problemi con la diuresi.

Aloe Ferox: cos’è e come funziona?

Altresì conosciuta come Aloe Rossa e Aloe Amara, l’Aloe ferox è una pianta della famiglia Aloe, sebbene abbia pochi effetti simili all’Aloe Vera. Oltre a essere utilizzata nel settore farmaceutico, l’Aloe ferox viene usata anche come purgativo in medicina e come un gel nella cosmesi. Come tutte le piante della famiglia Aloe, l’Aloe ferox è alta, con un solo fusto. In condizioni ottimali l’Aloe ferox può raggiungere la considerevole altezza di tre metri. Le foglie sono di un colore rossastro, molto sottili e chiare. Inoltre la pianta ha delle spine il cui colore è un misto di rossastro, simile a quello delle foglie, e marrone.

Le foglie delle specie giovani sono coperte da spine molto più piccole, quasi invisibili a occhio nudo che, secondo gli scienziati, hanno una funzione prettamente protettiva e servono a respingere gli animali e i predatori. Con il trascorrere del tempo questa caratteristica viene meno, in quanto la foglia si allunga. Da allora in poi proprio la forma allungata della foglia servirà a proteggere la pianta dagli animali di vario genere. Le uniche spine che rimangono sono quelle vicino al punto di attaccatura delle foglie al fusto. I fiori, d’altro canto, possono essere arancioni o rosse in relazione alle particolarità dell’ambiente e ad altri fattori. I fiori si trovano tra 0.61 e 1.22 metri sotto alle foglie. Di notte possono diventare fosforescenti grazie all’utilizzo di determinate sostanze chimiche.

Si tratta di una specie molto variabile e le piante possono differenziarsi, talvolta anche in ampia misura, da area ad area, in relazione alle condizioni locali. Pertanto l’Aloe ferox può essere facilmente confusa con altre piante, come l’Aloe Excelsa e le relative specie. Anche perché sono simili sia durante la fase di crescita che dopo. In ogni caso è possibile distinguere le due piante unicamente per mezzo delle piante che, nel caso dell’Aloe Excelsa, possono essere leggermente incurvate, nonché più piccole. La maggior concentrazione dell’Aloe ferox è situata nella zona occidentale dell’Africa del Sud, nel Lesotho, nel Capo Est e in KwaZulu-Natal. In questa zona l’Aloe Excelsa cresce in una vasta gamma di forme e specie formando una continua fascia che si distende lungo quasi tutto il territorio del Capo Sud. Trovarla più al nord è difficile, ma non impossibile, anche se proprio nella zona settentrionale dell’Africa meridionale l’Aloe ferox può essere scambiata per l’Aloe Excelsa. Altresì la pianta può trovarsi sulle colline rocciose, vicino alle zone deserte e sui limiti del Karoo, una regione semi-deserta nell’Africa meridionale.

Come si ottiene l’Aloe Ferox

L’Aloe ferox può essere coltivata anche lontano dall’Africa, a patto di creare delle condizioni adatte per questa pianta (il che non è affatto facile). Come anche le altre piante, l’Aloe ferox può essere coltivata a partire da uno o più semi. A seconda delle condizioni create per la crescita e la propagazione dei semi, la pianta può essere più o meno salutare e raggiungere un’altezza elevata, che ne rappresenta un sintomo di salute. Nelle serre di crescita le piante dell’Aloe ferox possono raggiungere più di un metro, impiegando circa 4 o 5 anni perché i primi frutti appaiono vicino al fusto. A questo punto ogni foglia potrebbe arrivare persino a pesare 2 chilogrammi, per via delle varie sostanze che si accumulano al suo interno. La pianta preferisce degli spazi aperti o ben aerati, con un clima tropicale.

Pertanto la serra in cui viene coltivata dev’essere molto soleggiata e aerata, con una temperatura e umidità vicine a quelle del Sud Africa. L’Aloe ferox, inoltre, non ama particolarmente l’acqua, motivo per cui non dev’essere sottoposta alle piogge o al troppo annaffiamento. L’azione dell’Aloe ferox sull’organismo è molto veloce. Proprio questo è il punto cardine della sua popolarità nell’Occidente, dove le persone non vogliono, o non hanno tempo, per aspettare settimane o mesi in attesa di vedere gli effetti di un medicinale. I benefici dell’Aloe ferox possono essere i più diversi e sebbene quello più noto sia l’effetto dimagrante, utilizzando questa pianta è possibile anche salvaguardare la propria salute. Come se tutto ciò non bastasse, la pianta è ottima anche semplicemente per essere in ottima forma.

I benefici dell’Aloe Ferox

Tra la vasta gamma di effetti di questo farmaco bisogna citare almeno quelli più importanti, tra cui:

  • L’accelerazione del metabolismo. Quest’ultima avviene grazie alla presenza delle vitamine appartenenti al gruppo B, tra cui B1, B2, B6 e B12. Tutte queste vitamine sono di fondamentale importanza per ottimizzare l’utilizzo dei grassi da parte del corpo. Inoltre servono per spezzare le catene lipidiche e trasformare i grassi in una sicura fonte di energia che per via di altri meccanismi viene consumata praticamente subito. In questo modo i grassi non vengono accumulati nel corpo, ma utilizzati oppure eliminati per mezzo della diuresi. Altresì grazie alle vitamine citate è possibile che i grassi vengano bruciati senza alcun sforzo fisico da parte della persona. Comodo, no?
  • La riduzione dell’appetito. Anche per questo dopo l’assunzione delle pillole dell’Aloe ferox, detta Aloe Selvatica, la persona non vorrà mangiare così tanto come prima. Semplicemente non sentirà la sensazione di fame. Il controllo dell’appetito è un altro effetto di notevole importanza ai fini del dimagrimento. Una sicura conseguenza della mancanza di fame è la riduzione delle calorie assunte con la moderazione durante i pasti. Niente regole di alcun genere, quindi. E nemmeno delle diete. Semplici pillole.
  • La stabilizzazione del glucosio nel sangue. Questo è uno dei motivi principali per cui l’Aloe ferox viene sconsigliata alle persone con problemi di diabete. Grazie a questo suo effetto la pianta aiuta i processi glicemici, dal canto loro fondamentali per regolare l’assunzione degli zuccheri da parte del corpo. Assumendo l’Aloe ferox, quindi, è possibile ridurre la sensazione di stanchezza, diminuire i crampi allo stomaco e impedire i crolli della concentrazione.
  • La purificazione dell’organismo. Il potere lassativo della pianta aiuta l’organismo a purificarsi dalle sostanze nocive, che vengono eliminate attraverso la defecazione. Il potere lassativo dell’Aloe ferox è conosciuto da molti anni e utilizzato nella medicina tradizionale africana. Alcune sostanze chimiche contenente nell’Aloe ferox aiutano a stimolare la contrazione del colon, che così tende a svuotarsi più facilmente. Inoltre vengono migliorati i processi digestivi.
  • Il ringiovanimento della pelle. L’Aloe ferox è una pianta contenente la vitamina C in grandi quantità. La vitamina C, dal canto suo, serve per mantenere inalterata la produzione di collagene, una proteina che interagisce con la cute donandole elasticità e tonicità. Grazie all’utilizzo dell’Aloe ferox la pelle sembra sempre molto idratata e giovane. Inoltre l’Aloe ferox aiuta a prevenire le rughe. Cosa si potrebbe volere di più?

Se vuoi vedere gli effetti benefici che un altro prodotto naturale ha sulla pelle, puoi visitare il sito dedicato alla crema alla bava di lumaca: www.bavadilumacaitalia.com.

Come utilizzare l’Aloe Ferox

La pillola contenente l’estratto dell’Aloe ferox va ingoiata con un bicchiere d’acqua. Solo così si può raggiungere l’effetto ottimale dell’estratto. L’Aloe ferox è l’unico ingrediente incluso in simili pasticche. Esso viene racchiuso in una capsula di gelatina. L’estratto di succo dell’Aloe ferox ha un effetto migliorato se interagisce con l’ormone cortisolo, responsabile dei livelli di stress e di altri fattori. Per questo si consiglia di assumere l’Aloe ferox prevalentemente la mattina, una mezz’oretta prima della colazione. In questo modo si ottimizza l’effetto dell’estratto della pianta. Di contrario, non bisogna assumere l’Aloe Selvatica troppo tardi la sera.

Ma qual è il segreto dell’Aloe Selvatica? L’unico segreto lo possiede l’azienda farmaceutica Herbagetica, responsabile dell’estrazione del principio attivo. Il succo dell’Aloe Selvatica non viene disidratato o ridotto in polvere, bensì subisce un processo di cristallizzazione e resta nelle sue condizioni migliori. Grazie a questa strategia di produzione, in ogni capsula di Aloe ferox è incluso un principio attivo dall’efficacia pari a 10 volte rispetto all’efficacia dei prodotti farmaceutici simili presenti sul mercato. L’effetto, inoltre, è più veloce, evidente, quasi immediato. A questo va aggiunto il fatto che non è strettamente necessario seguire una particolare dieta o praticare degli esercizi fisici per ottenere dei buoni risultati se si assume l’Aloe ferox.

Se, però, la persona decidesse di seguire una dieta dimagrante oppure fare degli esercizi fisici in aggiunta all’assunzione dell’Aloe ferox, i risultati sarebbero decisamente migliori. Sebbene con la sola assunzione dell’Aloe ferox sia possibile eliminare in media 5 chilogrammi al mese, con l’aggiunta delle diete ed esercizi è possibile aumentare la riduzione del peso fino a 8 chilogrammi al mese. Un risultato straordinario e ineguagliabile da un qualsiasi altro farmaco dimagrante. Infine, occorre ricordare che l’Aloe ferox viene assunta ciclicamente, per non mettere in sovraffatica l’organismo. Si assume fino a un massimo di 3 pillole giornalmente, – in relazione alle necessità della persona e allo stato del suo organismo, – per un massimo di 10 giorni. Dopo il primo ciclo di 10 giorni bisogna fare una pausa di almeno 2 settimane prima d’iniziare un nuovo ciclo d’assunzione. Le pillole vanno assunte 30 minuti prima dei pasti.